Sale Cinematografiche

Una luce nel buio: dalle prime sale cinematografiche ai nuovi spazi

di Luca D’Albis e Rosantonietta Scramaglia

Nel saggio si descrive l’evoluzione delle sale cinematografiche su un piano storico e strutturale. Esse, infatti, sono state e sono tuttora un luogo di aggregazione e, per molto tempo, hanno costituito l’ambiente elettivo e quasi esclusivo della proiezione filmica. Si comincia con una introduzione storica, affrontando, sinteticamente, i passaggi cruciali subiti dalle sale italiane, per poi concentrarsi sulla descrizione delle diverse tipologie che nel tempo hanno fatto la loro comparsa nei paesi e nelle città della penisola: dalle grandi sale del centro, ai cinema d’essai, fino ad arrivare ai piccoli cinema a gestione parrocchiale. Pari importanza verrà data anche alle realtà che evadono dai confini della sala cinematografica, aprendo orizzonti verso spazi alternativi. La maggior parte degli esempi esposti nel saggio fa parte del circuito milanese, in quanto negli ultimi anni il capoluogo lombardo si è dimostrato all’avanguardia nella proposta di realtà cinematografiche alternative e la Lombardia la regione italiana con il maggior numero di sale e di spettatori (agcult.it).

A proposito dell’autore e dell’autrice:

Luca D’Albis. Laureato in “Comunicazione, Media e Pubblicità” e, a pieni voti, in “Televisione, Cinema e New Media” presso l’Università IULM di Milano. Da sempre appassionato cinefilo, oltre che cultore della materia, ha collaborato, in ambito organizzativo, con il Noir in Festival e il Bobbio film Festival di Marco Bellocchio. Ha preso parte, in veste redazionale, all’evento Bookcity nel 2017 e ha partecipato alla progettazione e programmazione di diversi cineforum. Attualmente, collabora con progetti di ricerca patrocinati dall’Università IULM.

Rosantonietta Scramaglia si è laureata in Lingue e Letterature straniere e in Architettura, ha conseguito il dottorato in Sociologia e metodologia della ricerca sociale. Attualmente, è professore associato presso l’Università IULM di Milano dove tiene corsi di Sociologia. Ha esercitato attività didattica in diverse università e da anni svolge come responsabile, numerose ricerche. È autrice di varie pubblicazioni nazionali e internazionali su aree di interesse che spaziano dalle relazioni interpersonali ai vari aspetti della vita quotidiana, dai valori all’immaginario, dai modi di abitare e di viaggiare alle nuove forme di vita urbana e di condivisione.

 

[voce completa qui]